23/24.11.2018 Gioco e comunità giocanti – Convegno internazionale sul diritto al gioco dei bambini e delle bambine

 

Scarica l'elenco dei passati eventi di formazione Scarica il modulo di iscrizione Scarica la locandina

 

23/24 Novembre 2018

GIOCO E COMUNITA’ GIOCANTI

Convegno internazionale sul diritto al gioco dei bambini e delle bambine

Giornate di scambio e confronto sul diritto al gioco
Evento conclusivo del progetto Una città per giocare- azioni di promozione della cultura ludica e di opportunità di gioco
promosso dall’assessorato alle politiche sociali del comune di Napoli

 

L’evento consiste nel convegno  internazionale presso il Maschio Angioino, 6 workshop che si terranno in due differenti sedi (Ludoteca Cittadina di Napoli e Parco San Laise),  ed eventi ludici minori. Tutte le attività sono gratuite e su prenotazione.

 

23 NOVEMBRE WORKSHOP h 15:00-19:00

Momenti di lavoro su pratiche e idee, per esplorare il diritto al gioco attra- verso buone pratiche e strumenti. Max 20 iscritti per ciascun workshop.

 

PARCO SAN LAISE (AREA Ex Base Nato) viale della Liberazione, Bagnoli, Napoli
workshop 1, 2, 3

 

1) LE ATTIVITÀ DI STRADA: IL LUDOBUS E IL CAMBIAMENTO SOCIALE
Simone Martinoli, Pietro Noce, Carlo Vanzella associazione ALI per Giocare Associazione dei Ludobus e delle Ludoteche Italiane.

2) LA CITTÀ DEI RAGAZZI, CITTADINANZA ATTIVA E COMUNITÀ GIOCANTI
Laura Sedda, VKE – associazione Campi gioco e ricreazione, Bolzano
Roberta Olivero, Simona Occelli ass. R.E.S.P.I.R.O. Belvedere delle Langhe (CN).

3) COMUNITÀ GIOCANTI E INTEGRAZIONE
Dominique Dumas per Ludambule – Ludothèque associative itinérante et d’Education Populaire des Hautes Alpes, Francia.

 

LUDOTECA CITTADINA DI NAPOLI piazza Miracoli, 37, Napoli
workshop 4, 5, 6

 

4) GIOCO I LIBRI
Maria Carmela Polisi, Libraia, Pomigliano d’Arco (NA)

5) CIBO E GIOCO ALLEATI PER LE COMUNITA’ EDUCANTI
Giuseppe Orefice per Slow Food Italia, Agrigiochiamo didattica e comunicazione rurale

6) IL GIOCO DELLA PARTECIPAZIONE
Francesco Langella per Laboratorio regionale Città dei Bambini e delle Bambine, Comune di San Giorgio a Cremano (NA).

 

23 NOVEMBRE cena ludica h 21:00-24:00

Melagioco – Centro di cultura ludica  via M. da Caravaggio 23/29

LE COMUNITÀ SI FONDANO ATTORNO A.. UN GIOCO!  Serata di gioco e convivialità a cura di tutti i relatori, a ciascuno il suo gioco!

 

24 NOVEMBRE  h 10:00 13:00 MASCHIO ANGIOINO SALA DEI BARONI

CONCLUSIONI E CONDIVISIONE DEI WORKSHOP h 10:00-13:00

TAVOLA ROTONDA

  • Apertura dei lavori e saluti, dott.ssa Roberta Gaeta, Assessore alle Politiche Sociali del comune di Napoli
  • Racconto di un anno del progetto Una citta per giocare, dott.ssa Viviana Luongo, Cooperativa sociale progetto uomo
  • Condivisione e scambio sui lavori dei workshop,moderati dal prof. Roberto Farnè Professore ordinario Università di Bologna Cattedra di pedagogia del gioco e dello sport, Presidente della LUnGi – Libera Università del gioco
  • Conclusioni e saluti della dott.ssa Barbara Trupiano, dirigente del servizioPolitiche per l’infanzia e l’adolescenza del comune di Napoli

 

 

Info workshop

I workshop durano due giorni, venerdì 23 novembre pomeriggio e in plenaria sabato 24 mattina
L’iscrizione ai workshop e alla cena è gratuita e a numero chiuso.
E’ necessario compilare il modulo inviandolo all’email qui indicata.

 

Info e Iscrizioni

segreteria del Progetto
info@unacittapergiocare.it
3205776789

 

I Workshop in dettaglio

1. LE ATTIVITÀ DI STRADA: IL LUDOBUS E IL CAMBIAMENTO SOCIALE
Simone Martinoli, Pietro Noce, Carlo Vanzella

Io, gli altri e lo spazio intorno a noi: la costruzione della cornice ludica per sperimentare nuovi ruoli e nuove relazioni.
Il ludobus è un’esperienza che trasforma temporaneamente lo spazio attraverso l’uso di un medium concreto: il gioco di strada. L’azione del ludobus è quindi caratterizzata da due dimensioni fondamentali: il gioco e la strada.
Durante il ws faremo esperienza diretta di un’attività di ludobus. Ci soffermeremo ad osservare ed elaborare le dinamiche sviluppatesi durante l’azione da tre punti di vista: il nostro ruolo, le relazioni con le altre persone che hanno attraversato la cornice ludica, la trasformazione e rifunzionalizzazione dello spazio pubblico.

 

2. LA CITTÀ DEI RAGAZZI, CITTADINANZA ATTIVA E COMUNITÀ GIOCANTI
Laura Sedda, VKE – associazione Campi gioco e ricreazione, Bolzano

Roberta Olivero, Simona Occelli ass. R.E.S.P.I.R.O. Belvedere delle Langhe, Cuneo.
La Città dei Ragazzi è un grande gioco di ruolo in cui Bambini e Ragazzi sono protagonisti nella gestione del proprio tempo.
La Città dei Ragazzi crea un ambiente con caratteristiche di realtà, dove i bambini possono conoscere, facendo, la complessità della Città e soprattutto dove possono decidere e agire cambiamenti all’interno di regole condivise.
Durante il pomeriggio verranno presentate e messe a confronto due diverse esperienze e, ragionando sulla complessità e sull’imprevedibilità della Città, si disegnerà insieme una nuova MiniCittà.

 

3. COMUNITÀ GIOCANTI E INTEGRAZIONE
Dominique Dumas per Ludambule – Ludothèque associative itinérante et d’Education Populaire des Hautes Alpes, Francia.

L’esperienza d’oltralpe. Un sistema di attività di gioco e di comunità in cui l’integrazione dei ragazzi e delle famiglie svantaggiate assumono un valore di supporto e sostegno alle attività.
Una diversa concezione del gioco e del giocare.

 

4.GIOCO I LIBRI
Maria Carmela Polisi, libraia, Pomigliano d’Arco (NA)

La libreria come comunità
Mio nonno è Michelangelo nasce come libreria ma diventa immediatamente luogo di comunità.
La libreria accoglie la famiglia in tutte le sue declinazioni.
Tutte le attività proposte vengono svolte insieme, adulti e bambini.
Nessuna differenza religiosa, fisica, razziale o sessuale. L’unica regola è INSIEME.
Questo consente di riprendere in auge un verbo ormai quasi cancellato dai nostri vocabolari, appartenere.
L’appartenenza ai territori, ai luoghi, alle famiglie alla scuola consente di “riamare” di innamorarsi di nuovo.
Qualsiasi tipo di lettura proposta, affiancata dalla forza del gioco consente ai bambini e agli adulti di consolidare il rapporto familiare.
Consente di ridare valore al tempo.

 

5. CIBO E GIOCO ALLEATI PER LE COMUNITA’ EDUCANTI
Giuseppe Orefice per Slow Food Italia, Agrigiochiamo didattica e comunicazione rurale

Il workshop tratterà il tema della relazione tra gioco e cibo andando ad indagare le connessioni tra questi due ambiti nella cultura rurale e nella civiltà contemporanea definendo attraverso strumenti e attività le principali priorità educative e sociali da valorizzare.
Il tema della riconnessione con i luoghi della produzione agricola, la conoscenza delle filiere agroalimentari e del consumo consapevole quali fulcri di un’azione ludica coinvolgente e attraverso la proposta di attività ed esperienze pratiche.
Le esperienze degli orti in condotta di Slow food e la creazione di comunità dell’apprendimento quali buona pratica per la costruzione di comunità educanti.

 

6. IL GIOCO DELLA PARTECIPAZIONE
Francesco Langella per Laboratorio regionale Città dei Bambini e delle Bambine, Comune di San Giorgio a Cremano (NA).

Ideazione organizzazione di un workshop ludico per educatori ed operatori socio-eduvativi sulla progettazione partecipata con i bambini denominato: LE SCATOLE DELLA PARTECIPAZIONE. “Metodi e tecniche di partecipazione con i bambini per la progettazione”. Il workshop sarà strutturato con un’esposizione di alcuni oggetti simbolici e rappresentativi, scientificamente e didatticamente già testati in attività laboratoriali, i quali prevedano un interazione con il gruppo di partecipanti. I contenuti della mostra saranno eventualmente armonizzati ed integrati da materiale iconografico su diverso supporto. Verranno realizzati dei prodotti che possano proporre anche la riscoperta della manualità e della partecipazione creativa come fattore fondante del gioco stesso e quindi come strumento di crescita, di conoscenza del mondo e di affinamento delle capacità percettive, sensoriali e manipolative dei fruitori.

 

Partecipare agli incontri
La formazione si terrà a partire da gennaio 2018 fino a dicembre 2018. Tutti gli incontri sono gratuiti.
Gli incontri sono a numero chiuso, rivolti ad operatori del settore, insegnanti e operatori sociali, una quota è riservata agli operatori provenienti da enti ed associazioni che si occupano di progetti socio-educativi.
Per partecipare è obbligatorio compilare in ogni sua parte il modulo di iscrizione ed inviarlo all’indirizzo di email sotto indicato specificando il workshop d’interesse  prima della data del workshop. E’ utile anche un avviso telefonico della richiesta.

Azioni Formative del progetto Una Città per Giocare
Nell’ambito della seconda annualità del progetto Una città per giocare dell’Assessorato al Welfare servizio politiche per l’infanzia e l’adolescenza del Comune di Napoli abbiamo programmato una nuova serie di incontri, workshop e laboratori sulla valenza che il gioco ha nell’ambito educativo rispetto alla partecipazione e ai cambiamenti sociali, partendo dl benessere dei singoli a quello dell’intera comunità.

Workshop
Nell’ambito del workshop a ciascuno è richiesto di condividere idee ed esperienze, esplicitare richieste e bisogni, individuare saperi e risorse, elaborare soluzioni e strategie, ‘sporcarsi le mani’, ‘mettersi in gioco’, confrontarsi con gli altri e avere a disposizione esperti del settore con cui farlo al meglio.
Ogni incontro ha come obiettivo aggiuntivo l’organizzazione di un’ azione ludica territoriale.

 

Informazioni e iscrizioni

fb: Unacittapergiocare
www.unacittapergiocare.it
info@unacittapergiocare.it
tel. 3205776789

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *